Horloge pour site Orologi per blog
Cerca nella bibbia

Per citazione
(es. Mt 28,1-20):





Per parola:


Siti Amici

Video in risalto
Intervista a H.Küng 1 Parte
Intervista a H.Küng 2 Parte
Intervista Mons. Bettazzi
Introduzione alla lectio divina
Cliccando sulla copertina del libro o sulla voce del menu “ pregare la parola” leggiamo ogni giorno una pagina del libro di Enzo Bianchi per entrare nello spirito della Lectio Divina.
Leggiamo, una pagina al giorno, il libro “ PREGARE LA PAROLA” di Enzo Bianchi. Per accedervi click sulla voce del menu “ PREGARE LA PAROLA” o sull’icona che scorre di seguito .

Al Sisi condanna a morte 75 persone

Inflessibile il regime di Al Sisi, I giudici egiziani ieri hanno ‎condannato a morte 75 persone e a ‎pesanti pene detentive oltre 600 per il lungo sit del 14 Agosto 2013  durante il quale  furono massacrati dalla polizia oltre 700 manifestanti sostenitori di Mohamed Morsi.  Quest’ultimo, capo del Partito Libertà e Giustizia (il partito dei Fratelli Musulmani), è stato presidente dal 30 giugno 2012 al 3 luglio 2013, giorno in cui fu deposto da un colpo di stato militare. Si tratta del più alto numero di condanne a morte in un solo processo.

Decisi anche 47 ‎ergastoli.

Quello appena concluso è chiaramente un “ processo” alle vittime e non agli autori della strage.

Il regime sostiene di aver affrontato in quei giorni una ‎‎”minaccia armata” e inizialmente aveva denunciato l’uccisione di 40 agenti di ‎polizia. Poi i poliziotti uccisi sono scesi a otto. Nessun membro delle forze di ‎sicurezza in ogni caso è stato condannato, e forse neppure indagato, per il ‎massacro dei civili riuniti nella piazza che el Sisi e gli altri generali golpisti ‎decisero di “evacuare” ad ogni costo.

Che la magistratura egiziana è serva del  regime lo prova il terribile assassinio di Giulio Regeni. A due anni  dalla sua tremenda morte il regime, tra depistaggi e piste false, continua a fare “ melina” nella speranza che pian piano l’indignazione italiana si spenga  confidando che la ‎famiglia Regeni e gli italiani rinuncino a conoscere la verità.

‎ Da quando è diventato presidente nel 2014 – al termine di una campagna ‎elettorale senza veri avversari – el Sisi e i suoi giustificano la  ‎repressione con la necessità di combattere il “terrorismo”, per mettere a tacere chi non è allineato al regime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Funzioni Blog
Ultimi Post
Post in evidenza
New