Cerca nella bibbia

Per citazione
(es. Mt 28,1-20):





Per parola:


Siti Amici

Ultimi Post
Post in evidenza
Featured video
Intervista a H.Küng 1 Parte
Intervista a H.Küng 2 Parte
Intervista Mons. Bettazzi
Leggiamo, una pagina al giorno, il libro “ PREGARE LA PAROLA” di Enzo Bianchi. Per accedervi click sulla voce del menu “ PREGARE LA PAROLA” o sull’icona che scorre di seguito .

Alimena: S. Maria Maddalena

Chiesa Madre S.M.Maddalena
   Edificata  dal 1725 al 1731, questa chiesa a tre navate, ha una planimetria a croce latina semplice, poichè non ci sono cappelle all’estremità del transetto piuttosto stretto ed occupato in parte di gradini che immettono nel presbiterio, separato da una balaustra in ferro.
 Il portale esterno, su cui erano scolpiti i tre stemmi delle tre famiglie feudali, succedutesi nella signoria dello Stato, è l’unico elemento decorativo della facciata molto lineare.
La porta principale è stata rifatta nel 1918 .
Dietro la chiesa sorge il campanile, il cui ultimo piano e stato innalzato nel 1924.
Nell’interno, le navate sono divise da un  colonnato che da un senso di maestosità e spaziosità.
Gli altari delle pareti laterali erano originariamente tutti adorni di  tele, ora restaurate, di autore ignoto. Alcune di esse, nella navata di destra, sono state rimosse per far posto a delle statue di poco valore, tranne quella dell’Immacolata del Sorge.   La sostituzione delle tele ha spezzato l’omogeneità dell’insieme.
 Anticamente l’altare originario dell’Immacolata era posto dentro una cappella, nello stesso posto, e conteneva nella parte inferiore una statua delta Madonna Assunta.
Anche l’abside è stata spogliata degli scanni di legno scolpito per il coro.
Le cappelle laterali delta Madonna del Rosario e del Santissimo Sacramento, a causa delle sovrapposte decorazioni non conservavano la precedente bellezza, armonizzata con tutto l’insieme.
Di pregiata fattura il piccolo pulpito di legno, appoggiato ad una colonna a destra e l’organo del 1700, che fino ai primi anni del 1900 era posto su un palco tra due colonne deltl navata di sinistra. Ora e collocato su una piccola balconata di legno sulla porta principale.
La chiesa rimasta chiusa per un decennio e riportata di recente alla precedente bellezza, è stata riaperta ed inaugurata il 25 maggio 1996.
 
 
Popolazione della Parrocchia: 3300
PARROCODon Giuseppe Cigno
Indirizzo: Piazza Regina Margherita
Telefono: 0921/646679
 
ORARIO S. MESSE:
Feriali:
Festivi:
 
Altre strutture o chiese della Parrocchia:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I concili nei secoli
Clck sull’icona per aprire il documento



I° CONCILIO DI NICEA



I° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



I° CONCILIO DI EFESO



I° CONCILIO DI CALCEDONIA



II° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



III° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



II° CONCILIO DI NICEA



IV° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



LETTERA A DIOGNETO


I° CONCILIO LATERANENSE



II° CONCILIO LATERANENSE



II° CONCILIO LATERANENSE



IV° CONCILIO LATERANENSE



I° CONCILIO DI LIONE



II° CONCILIO DI LIONE



CONCILIO DI VIENNA



CONCILIO DI COSTANZA



CONCILIO DI BASILEA



V CONCILIO LATERANENSE


CONCILIO DI TRENTO



CONCILIO VATICANO I°

Incontri sulla Dei Verbum
Incontri sulla “ DEI VERBUM” Comunità Itria dal 26 Novembre 2018. Per accedervi click sull’icona che scorre di seguito .
Introduzione alla lectio divina
Cliccando sulla copertina del libro o sulla voce del menu “ pregare la parola” leggiamo ogni giorno una pagina del libro di Enzo Bianchi per entrare nello spirito della Lectio Divina.
New

POST DA SEGNALARE ( click per aprire collegamento)

Di sinodalità si può morire

Documento
preparatorio
del Sinodo
dell’Ammazonia

Transito di Madre
Agnese Magistretti

I Migranti sono
Persone..
non questioni
migratorie

Riflessioni sui
Migranti:
ricordando
La storia
di Ruth

P. Sorge
La politica
di chiusura
Mostrerà
la propria
disumanità

Lettera al
Presidente
della Repubblca
delle clarisse
carmelitane

Il nuovo patto
delle Catacombe
Chiesa povera
per i poveri

Cardinale Zuppi
a "Che tempo che fa"